Archivio Grafica Italiana
Ideazione, sito web, logo e grafica promozionale
per l’Archivio Grafica Italiana.
Archivio Grafica Italiana
Logotipo, sito web e grafica promozionale per l’Archivio Grafica Italiana.
massimo vignelli pneumatici pirelli
Immagine promozionale per l’Archivio Grafica Italiana.
Sullo sfondo un’opera
di Massimo Vignelli del 1964.

2016 © Nicola-Matteo Munari
archivio grafica italiana
Particolare della homepage
con i progetti catalogati
in ordine di pubblicazione.

2015 © Nicola-Matteo Munari
archivio grafica italiana
Marchio con l’acronimo dell’Archivio Grafica Italiana, utilizzato sul web.

2015 © Nicola-Matteo Munari
Il valore contemporaneo
della storia


Fondato nel 2015 da Nicola-Matteo Munari, l’Archivio Grafica Italiana è il primo archivio online dedicato all’intero patrimonio della progettazione grafica italiana.

Attraverso la pubblicazione di pagine monografiche dedicate a progetti, designer, studi e aziende l’archivio si propone di promuovere la cultura che contraddistingue la progettazione grafica italiana, valorizzandone l’importanza storica e rinnovandone il ruolo contemporaneo.

Il sito dell’archivio (link) costituisce un’utile fonte d’informazione per studenti, studiosi e appassionati di design di tutto il mondo, preservando e promuovendo un patrimonio collettivo d’importanza artistica e culturale.
archivio grafica italiana
Immagine promozionale realizzata
a partire da un particolare di una pubblicità degli anni ’50.

2017 © Nicola-Matteo Munari
walter ballmer olivetti
Ph. © Nicola-Matteo Munari
archivio grafica italiana schizzo
Schizzo realizzato nella fase preliminare della progettazione
per individuare la struttura della pagina dedicata ai designer.

2015 © Nicola-Matteo Munari
Il sito web

Progettato nel 2015 e ufficialmente inaugurato nel 2016, il sito ha ricevuto numerosi apprezzamenti da progettisti e blog di tutto il mondo, incontrando in particolar modo il favore di studenti e insegnanti.

L’impianto grafico del sito è stato interamente strutturato a partire da una griglia a modulo quadrato, affinché l’impaginazione dei contenuti fosse razionale e la loro esposizione potesse godere della massima chiarezza.

Nonostante l’ampia quantità dei contenuti pubblicati, il sito è stato progettato e sviluppato in codice in poco tempo, senza presentare necessità di modifiche negli anni seguenti, a riprova dell’efficacia del design che lo contraddistingue.
archivio grafica italiana uniweb
La pagina dedicata ai progettisti
e la griglia modulare sulla quale
è strutturato il sito.

2015 © Nicola-Matteo Munari
franco grignani
Particolare di uno schizzo raffigurante l’artista e designer Franco Grignani (1908-1999).

2015 © Nicola-Matteo Munari
 L’Archivio Grafica Italiana contribuisce a farci comprendere la cultura di cui facciamo parte per poterla perpetuare
in modo consapevole e appropriato
al nostro tempo.
Intervista per Studio Pagina
 L’Archivio Grafica Italiana contribuisce a farci comprendere la cultura di cui facciamo parte per poterla perpetuare in modo consapevole e appropriato al nostro tempo.
Intervista per Studio Pagina
La catalogazione

I progetti pubblicati sono suddivisi per tipologia, decade, anno, designer, studio, cliente e sono inoltre classificati tramite parole chiave che permettono ulteriori ricerche per luogo, colore, stile, tematica, eccetera.

In questo modo il sito offre più possibilità di ricerca ed esplorazione dei contenuti, che sono tra loro alternative e complementari.
griglia tipografica
La griglia a modulo quadrato che contraddistingue il sito, qui
utilizzata nella pagina dedicata
alle tipologie di progetto.

Ph. © Nicola-Matteo Munari
archivio grafica italiana
Dettaglio della pagina
dedicata ai marchi, catalogati
in ordine cronologico.

2015 © Nicola-Matteo Munari
Il proposito culturale

A differenza dei cosiddetti “siti d’ispirazione”, il proposito culturale dell’archivio si manifesta anche e soprattutto nei testi originali che accompagnano ogni progetto, illustrandone le qualità grafiche e comunicative.

Oltre alle schede dei progetti e alle biografie dei progettisti anche molte delle immagini pubblicate sono inedite su internet, frutto di ricerche appositamente condotte per la pubblicazione nell’archivio.

Godono così di una nuova popolarità progetti e progettisti meno noti o del tutto sconosciuti — Aldo Calabresi, Costantino Nivola, Ezio Bonini, Pegge Hopper, Pino Milàs, René Martinelli e altri ancora — di cui vengono celebrati il talento e la creatività progettuale.
archivio grafica italiana
Ph. © Nicola-Matteo Munari
archivio grafica italiana schizzo
Schizzo preliminare realizzato
per studiare la struttura
compositiva della homepage.

2015 © Nicola-Matteo Munari
Un archivio in continua
espansione


Ad oggi composto da circa 350 progetti, 80 designer, 40 studi professionali e 200 clienti, l’archivio offre una panoramica in continua espansione, che va dagli anni ’30 fino ad oggi e comprende le opere di molti tra i più importanti progettisti grafici del presente e del passato.

Il sito, che è interamente gratuito e realizzato senza finanziamenti, ha raggiunto circa 100.000 utenti, senza contare quelli della pagina Facebook che in un giorno ha registrato 225.000 visitatori.

Pubblicato da numerosi blog e riviste — BrandNew, Curbed, DesignPlayground, FastCo., Internazionale, White, ecc. — l’archivio è stato inoltre oggetto di lezioni presso il Savannah College of Art and Design di Hong Kong (SCAD) e la Libera Accademia di Belle Arti di Brescia (LABA).

Committente
Nicola-Matteo Munari

Progettazione
Nicola-Matteo Munari

Collaboratori
Alberto Arlandi
Greta Bussandri

Periodo
2015-17